``non abbiamo pianto``: un concerto per non dimenticare lo straordinario lavoro dei compositori nei campi di concentramento

(Cliccare sulle immagine per andare alla galleria completa)

“NON ABBIAMO PIANTO – Uscire dal ghetto: gli artisti di Terezín parlano col nostro tempo”, facente parte del progetto “IL NUOVISSIMO VIRTUOSO”, è stato realizzato nell’ottobre del 2015, eseguito due volte da I Solisti Aquilani (16 ottobre ad Ancona e 19 ottobre a L’Aquila) e una volta dall’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma.

Il progetto è nato con l’Associazione I Solisti Aquilani, che lo ha inserito per prima nella sua programmazione, e ha successivamente raccolto l’entusiastica accoglienza da parte degli Amici della Musica “Guido Michelli” di Ancona e dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, in collaborazione con ATAC, Comunità Ebraica Romana, Assessorato Cultura e Sport di Roma Capitale, il sostegno di Errebian SpA, main sponsor dell’iniziativa, e della Reale Ambasciata di Norvegia e la mediapartnership di Rai Radio 3.

NON ABBIAMO PIANTO ha voluto ricordare per la prima volta in Italia in modo non meramente commemorativo la data del 17 ottobre 1944, giorno in cui tutti gli artisti vissuti nel “ghetto modello” di Terezín sono stati uccisi ad Auschwitz dopo un viaggio sul così denominato “treno degli artisti”. I tre appuntamenti sono stati straordinariamente presenziati dal compositore norvegese Lasse Thoresen, che è stato messo in relazione con uno dei compositori di Terezín, Pavel Haas, con lo scopo di liberare la musica concentrazionaria dai contesti commemorativi cui quasi esclusivamente viene relegata e farla rifluire nel corso della storia musicale.

Il dialogo fra l’arte espressa dentro e fuori le mura del ghetto non ha riguardato solo la musica: i versi di un poeta del nostro tempo, Nicola Muschitiello, hanno incontrato quelli  contenuti nel diario poetico che il compositore Viktor Ullmann scrisse a Terezín. Le voci di questo incontro sono state quelle dello stesso Muschitiello e di Giorgio Barberio Corsetti.
Una performance di figuranti coordinati dall’artista Francesco Viscuso hanno inoltre accompagnato il pubblico nelle varie stazioni esponendo come teche viventi in una mostra itinerante i disegni di Peter Kien e Bredrich Fritta ritraenti la vita quotidiana di Terezín.


Il concerto sinfonico del 17 ottobre 2015 è stato ospitato per la prima volta nei suoi 60 anni di storia in alcune stazioni della Metropolitana (Linea C) di Roma

main sponsor

Arte e cultura sono da sempre un fondamento della convivenza civile. La musica del nostro tempo può aiutare a comprendere la complessità del mondo contemporaneo. Ma se la cultura è considerata merce, si adegua alle regole del mercato.
I partner di SHE LIVES sono imprese, aziende, fondazioni che desiderano un dialogo con il territorio, intercettandone i bisogni culturali, e che si ispirano al principio della responsabilità sociale d’impresa.
Come Errebian SpA, alla quale va il nostro profondo ringraziamento per la sensibilità e la lungimiranza dimostrate.

rai news 24

Il servizio di RaiNews24 sul concerto del 17 ottobre 2015 a Roma.

meridiana notizie

Il servizio di MERIDIANA NOTIZIE, agenzia video giornalistica, all’indomani della conferenza stampa tenuta al Teatro dell’Opera di Roma.

tgr abruzzo

Dal minuto 17 e 48″ il servizio del Tg Regione Abruzzo sul concerto del 19 ottobre a L’Aquila tenuto da I Solisti Aquilani.

Sfoglia la brochure

Clicca sull’immagine